Endocrinologia

Infertilità e problemi di concepimento

L’infertilità è definita come assenza involontaria del concepimento dopo almeno un anno di rapporti sessuali mirati o quantomeno non protetti.
È opportuno distinguere tra “sterilità” (che riguarda un numero ridotto di situazioni in cui non è possibile la risoluzione) e “ipofertilità” o “subfertilità”, dove è possibile risolvere il problema con opportuni presidi.

La condizione di ipofertilità/infertilità riguarda circa il 15-20% delle coppie.

Le ragioni di questo ostacolo nella vita di una coppia spaziano tra campi molto vari tra loro, dalle cause ormonali ed endocrinologiche a quelle ginecologiche ed a quelle psicologiche.
Non vanno inoltre trascurati i fattori socio-economici, l’età e lo stile di vita.
Un corretto inquadramento della/e cause consente di intraprendere la corretta terapia per avere le maggiori possibilità di successo.

In particolare, secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, nel 35% dei casi risulta preponderante il fattore maschile, nel 35% dei casi risulta preponderante il fattore femminile, nel 15% vi è un fattore di coppia, ossia una condizione in cui coesistono una subfertilità maschile e femminile, e nel restante 15% l’eziologia rimane non nota.

Le condizioni patologiche alla base delle difficoltà al concepimento toccano ambiti diversi, ed il loro trattamento richiede spesso l’intervento di specialisti con competenze endocrinologiche, andrologiche e ginecologiche.

Presso la nostra struttura sono presenti esperti specialisti con competenze complementari tra loro che, grazie ad un lavoro di team, consentiranno di individuare l’approccio che dia maggiori probabilità di successo.